mercoledì 5 gennaio 2011

Piccole Sacher (ricetta di Maurizio Santin)

La mia dipendenza dal cioccolato e dalla Torta Sacher ebbe inizio già da piccolina: torta preferita da mio padre, veniva cucinata, in modo molto approssimativo (mi rendo conto solo ora) per ogni festa importante: compleanno, Natale, Pasqua..Era un grande onore per me avere assegnato l'arduo compito di montare gli albumi a neve o imburrare la tortiera. Crescendo poi mi impadronii poco a poco di tutte le altre fasi della preparazione a cui aggiunsi i miei ritocchi( marmellata a cui aggiungevo un pizzico di cannella, glassa servita a parte..). ma poi arrivo' due anni fa l'incontro con la VERA SACHER  al Cafè Sacher di Vienna e fu amore al prmo assaggio.







Inutile dire che tornata a casa cercai di ricrearla il piu' fedelmente possibile, e la versione che trovai piu' somigliante (o comunque parimenti goduriosa) fu quella di Maurizio Santin.

Ecco dunque la ricetta:

Per il biscotto Sacher:

105g di burro
105g di zucchero
70g di farina
70g di cioccolato fondente al 70% 
20g di farina di mandorle
6 tuorli
7 albumi

Riscaldare il forno a 180°.
Far sciogliere a bagno maria il cioccolato con il burro. Una volta sciolti aggiungere mescolando con una frusta i tuorli(uno alla volta), la farina di mandorle e la farina setacciate. A parte intanto montare gli albumi con lo zucchero e unirli delicatamente all'impasto mescolando con un cucchiaio dal basso verso l'alto.  Trasferire l'impasto in una placca da forno precedentemente imburrata e infornare a 180° per un 20 minuti.(fare sempre prova stuzzicadenti)

Tagliare il biscotto con un coppapasta della forma desiderata. All'interno del coppapasta inserire il mini biscotto, su cui si dovrà stendere uno strato di marmellata di albicocche (che si puo' aromatizzare con un po' di cannella) e richiudere con un secondo mini biscotto. Mettere in frigo per un'ora e poi togliere dalla forma in alluminio. Controllare irregolarità del biscotto e procedere alla glassatura.


Per la glassa:
300g di cioccolato al 70%
200g di panna.
Portare la panna a bollore e rovesciare sul cioccolato sminuzzato, continuare a mescolare con un cucchiaio fino a completo scioglimento.




Io ho scelto di decorarle poi con dei confettini argentati e delle violette candite.








2 commenti:

  1. Sono bellissime e non oso pensare a quanto siano buone. Brava Patty!!

    RispondiElimina